09 / 13 - 17 / 20

Lunedì al Venerdì

Via Durando, 49

PACHINO (SR)

09311845101

info@athenacasa.it

Confronta gli annunci

Accelerano i mutui e rallentano le surroghe

Accelerano i mutui e rallentano le surroghe

Mutui ancora in crescita e tassi di default in miglioramento, nonostante la frenata delle surroghe e i tassi che segnano una lenta tendenza al rialzo. È lo scenario che emerge incrociando i dati elaborati dal consueto bollettino bankitalia, dal 41esimo osservatorio sul credito al dettaglio di Assofin, Crif e Prometeia e dall’Osservatorio Mutuionline.it


Le banche a ottobre hanno rialzato leggermente i tassi sui nuovi finanziamenti ipotecari alle famiglie con un Taeg medio che sale dal 2,33% di settembre al 2,34% di ottobre. In un contesto che rimane favorevole alla sottoscrizione di nuovi finanziamenti nonostante le turbolenze finanziarie che stanno investendo il settore creditizio e l’incertezza di fondo scaturita da referendum e crisi di Governo.
«Nei primi 9 mesi del 2016 le erogazioni di mutui immobiliari alle famiglie – nota il report Assofin, Crif e Prometeia – hanno proseguito la crescita già riscontrata negli ultimi due anni. La componente dei mutui per acquisto di abitazioni, che costituisce la parte più consistente delle nuove erogazioni, mostra un trend in decisa accelerazione (+34,9%), che rispecchia il miglioramento nell’andamento delle compravendite immobiliari residenziali».
La componente “altri mutui”, invece, «dopo le performance molto positive dell’ultimo biennio, ridimensiona notevolmente il trend di crescita (+17%). Tale andamento è dovuto principalmente al marcato rallentamento delle surroghe, per le quali si delinea una progressiva riduzione del bacino di mutui per le quali tale operazione risulta conveniente.»
Buone notizie sul fronte “insolvenze”: «La rischiosità dei mutui immobiliari ha proseguito il lento ma progressivo calo iniziato ormai da diversi trimestri e a settembre 2016 il tasso di default si colloca all’1,4%, sfiorando il livello che si osservava nel periodo pre-crisi».
Nel periodo gennaio-settembre 2016, inoltre, si interrompe la riduzione degli importi finanziati e delle durate contrattuali dei nuovi mutui, che aveva caratterizzato gli ultimi anni a seguito del boom delle surroghe, e i mutui a tasso fisso raggiungono quasi i due terzi delle erogazioni grazie ai tassi di riferimento ai minimi storici, «che hanno spinto le famiglie meno propense al rischio a preferire la certezza di una rata costante per tutta la durata del contratto, sia alle nuove offerte a tasso fisso proposte da molte banche al fine di fidelizzare la clientela».
Tendenze sostanzialmente confermate da Mutuionline.it – che registra però una quota di surroghe ancora sopra al50% – con il tasso fisso che copre il 74,7% delle sottoscrizioni, confermandosi «la forma di mutuo maggiormente erogata nei primi cinque mesi del secondo semestre rispetto al tasso variabile per il quale si è registrato il 22,4%». Per quanto riguarda la durata, invece, la maggioranza dei mutui è sottoscritta per 20 anni (il 29,2%) e 15 anni (il 21,2%).
«Ammonta al 30,7% la richiesta di mutui per le classi di loan-to-value tra il 71 e l’80% del valore dell’immobile, con il 23,1% dei mutui effettivamente erogati che conferma un tale LTV». L’importo medio dei mutui erogati è stato pari a 122.649€ in aumento rispetto al primo semestre del 2016 (115.605€).
A livello di localizzazione geografica i mutui erogati si sono distribuiti per il 40,3% al Nord Italia, seguiti dal Centro con il 40,8%, dal Sud (13,1%) e dalle Isole (5,8%).

Articoli Correlati

Mutui, le prospettive sono ancora buone

La bocciatura della manovra di Governo da parte dell’Unione europea apre nuovi scenari sulla...

Continua a leggere

Mutui, la banca ora punta a finanziare più dell’80%

Banche a caccia di mutuatari anziché il contrario? Potrebbe apparire un paradosso, vista...

Continua a leggere

Mutui a tasso variabile, i migliori di Giugno

Anche se gli allarmismi sono tanti e la chiusura del flusso di liquidità da parte della Banca...

Continua a leggere