09 / 13 - 17 / 20

Lunedì al Venerdì

Via Durando, 49

PACHINO (SR)

09311845101

info@athenacasa.it

Confronta gli annunci

Gli atti traslativi  tra  persone  fisiche  aventi  per  oggetto  un  fabbricato abitativo (la cd. regola del “prezzo/valore”)

Con  la  disciplina  introdotta  dall’art.  1  comma  497  della  Legge  23  dicembre  2005  n.  266 (finanziaria 2006) così come modificata, con decorrenza 1 gennaio 2007, dall’art. 1 comma 309 legge  27  dicembre  2006  n.  296 (finanziaria  2007) l’acquirente di immobili ad uso abitativo,  se persona  fisica, può  richiedere  al  Notaio  che  la  base  imponibile,  ai  fini  dell’applicazione dell’imposta  di  registro  (e  solo  ai  fini  dell’applicazione  di  detta  imposta  esclusa  invece l’I.V.A.) , sia costituita dal cd. “valore catastale” ossia dal valore degli immobili determinato ai sensi dell’art. 52 commi quarto e quinto DPR 131/1986 (T.U. in materia di imposta di registro) e ciò indipendentemente dal corrispettivo pattuito e quale indicato in atto. Inoltre è prevista una riduzione  dell’onorario  notarile  (rapportato  ovviamente  al  prezzo  dichiarato)  del  30%.

Ad esempio nel caso di compravendita, al prezzo dichiarato di € 100.000,00, di immobile il cui valore catastale è pari ad €. 52.000,00, le imposte di registro, ipotecarie e catastali si applicheranno sul valore  catastale  di  € 52.000,00  e  non  sul  prezzo  di  € 100.000,00.  L’onorario notarile sarà applicato con riguardo alla tariffa prevista per gli atti di valore pari a € 100.000,00 ma con una riduzione del 30%.

Presupposti per l’applicazione di detta disciplina sono i seguenti:

Presupposto soggettivo: 

Per potersi avvalere della regola del “Prezzo Valore” il trasferimento deve intervenire A FAVORE di persone  fisiche  che  non  agiscano  nell’esercizio  di  attività  commerciali,  artistiche  o professionali.

Resta pertanto esclusa l’applicazione di detta disciplina nel caso di:

– cessioni nelle quali parte acquirente sia una società, un ente collettivo, un ente pubblico o comunque un  soggetto  che  non  sia  persona  fisica  (vanno  così  esclusi,  ad  esempio,  gli  atti  di  conferimento  in società);

– cessioni nelle quali parte cedente sia una società o un imprenditore individuale che abbia costruito o ristrutturato l’immobile abitativo oggetto di cessione (e/o la relativa pertinenza) da meno di quattro anni, con conseguente assoggettamento della cessione ad I.V.A.

Continua a leggere > Scarica la Guida completa (.pdf)